Karate tradizionale

Shirai
M. Hiroshi Shirai

Lo Stile Shotokan (松濤館流 Shōtōkan-ryū) è uno stile di Karate, nato dall’incontro di varie arti marziali, codificato dal Maestro Gichin Funakoshi (1868-1957) e da suo figlio.
Il Maestro Gichin Funakoshi è universalmente riconosciuto per aver esportato e diffuso il karate dall’isola di Okinawa all’intero Giappone.
Shoto (松濤 Shōtō) significa “brezza nella pineta” (o più precisamente “onda di pino”) ed era lo pseudonimo che il Maestro Funakoshi utilizzava per firmare le sue poesie ed i suoi scritti. La parola kan ( kan) significa invece “sala“, ed è riferita al Dojo, luogo della pratica. In onore del loro Maestro, gli allievi di Funakoshi crearono un cartello con la scritta Shoto-kan che posero sopra l’ingresso del dojo in cui egli insegnava. In realtà il Maestro Funakoshi non diede mai un nome al suo stile, definedolo semplicemente “Karate”.
Il Maestro Funakoshi espose i Venti Principi del Karate (o Niju Kun). In questi principi, fortemente basati sul Bushido e sullo Zen, è contenuta la filosofia dello stile Shotokan. Essi contengono nozioni di umiltà, rispetto, compassione, pazienza e calma sia interiore che esteriore. Il Maestro Funakoshi riteneva che attraverso la pratica del karate e l’osservazione di questi principi, il karateka era in grado di migliorarsi.

Lo stesso Maestro Funakoshi scrisse: “Lo scopo ultimo del karate non si trova nella vittoria o nella sconfitta, ma nella perfezione del carattere dei partecipanti“.

MIEGAKURE

Logo Miegakure1I corsi, aperti ai ragazzi ed adulti, sono caratterizzati dalla ricerca della padronanza interiore e fisica delle tecniche, enfatizzarne l’efficacia anche a fini di difesa reale. La pratica non è sportiva, ma lo scopo è quello di padroneggiare il corpo e la mente attraverso lo studio continuo. Miegakure è regolarmente iscritta alla FIKTA. I corsi sono affidati al M° Antonio Scirocco responsabile di Dojo della Miegakure a.s.d.

In un ottica di studio tradizionale le tecniche che si studieranno durante il corso, saranno:

Uke e Kawashi Waza: Tecniche di parata e schivata
Tsuki Waza: Tecniche di pugno
Uchi Waza: Tecniche di percossa
Geri Waza: Tecniche di calcio e di gamba
Ate Waza: Tecniche di gomito e ginocchio
Ashi e Kuzishi Waza: Spazzate e sbilanciamenti
Nage Waza: Tecniche di proiezione
Tsukamu Waza: Tecniche di presa

Tecniche che saranno di volta in volta oggetto di studio nelle esecuzione dei Bunkai (applicazione dei Kata).

 

Il Maestro

IMG_4260Antonio Scirocco pratica il Karate dal 1986, stile Shotokan, ed ha la qualifica di Maestro presso la federazione FIKTA. Ha seguito per molti anni gli stage mensili del M. H. Shirai dell’Istituto Shotokan Italia e del M. T. Kase. Ha ottenuto il grado di III Dan, con il M. H. Shirai nel 1996. Successivamente ha iniziato lo studio dell’Aikido, acquisendo il grado di IV dan Aikikai d’Italia e Hombu Dojo – Tokyo.

 

 

 

I venti principi fondamentali dello spirito del Karate insegnati dal maestro Funakoshi e che vengono insegnati sono:

  1. Non dimenticare che il karate-dō comincia e finisce con il saluto.
    (一、空手は礼に初まり礼に終ることを忘るな )
  2. Nel karate non esiste primo attacco.
    (Karate ni sente nashi), (二、空手に先手無し。).
  3. Il karate è dalla parte della giustizia
    (三、空手は義の補け。).
  4. Conosci prima te stesso, poi gli altri
    (四、先づ自己を知れ而して他を知れ。).
  5. Lo spirito viene prima della tecnica
    (五、技術より心術。).
  6. Libera la mente (il cuore)
    (六、心は放たん事を要す。).
  7. La disattenzione è causa di disgrazia
    (七、禍は懈怠に生ず。).
  8. Il karate non si vive solo nel dōjō
    (八、道場のみの空手と思うな。).
  9. Il karate si pratica tutta la vita
    (九、空手の修行は一生である。).
  10. Applica il karate a tutte le cose, lì è la sua ineffabile bellezza
    (十、凡ゆるものを空手化せ其処に妙味あり。).
  11. Il karate è come l’acqua calda, occorre riscaldarla costantemente o si raffredda
    (十一、空手は湯の如く絶えず熱を与えざれば元の水に返る。).
  12. Non pensare a vincere, pensa piuttosto a non perdere
    (十二、勝つ考えは持つな、負けぬ考えは必要。).
  13. Cambia in funzione del tuo avversario
    (十三、敵に因って転化せよ。).
  14. Nel kumite devi saper padroneggiare il Pieno e il Vuoto
    (十四、戦は虚実の操縦如何にあり。).
  15. Considera mani e piedi come spade
    (十五、人の手足を劔と思え。).
  16. Oltre la porta di casa, puoi trovarti di fronte anche un milione di nemici
    (十六、男子門を出づれば百万の敵あり。).
  17. La guardia è per i principianti; più avanti si torna alla posizione naturale
    (十七、構えは初心者に、あとは自然体。).
  18. I kata vanno eseguiti correttamente; il kumite è altra cosa
    (十八、型は正しく、実戦は別もの。).
  19. Non dimenticare dove occorre usare o non usare la forza, rilassare o contrarre, applicare la lentezza o la velocità, in ogni tecnica
    (十九、力の強弱、体の伸縮、技の緩急を忘るな。).
  20. Sii sempre creativo
    (二十、常に思念工夫せよ。).

Mentre le regole del Dojo (Dojo Kun) a cui ci ispiriamo sono:

Hitotsu, Jinkaku Kansei ni Tsutomuru Koto
Cerca di perfezionare il carattere

Hitotsu, Makoto no Michi wo Mamoru Koto
Percorri la via della sincerità

Hitotsu, Doryoku no Seishin wo Yashinau Koto
Rafforza instancabilmente lo spirito

Hitotsu, Reigi wo Omonzuru Koto
Osserva un comportamento impeccabile

Hitotsu, Kekki no Yu wo Imashimuru Koto
Astieniti dalla violenza e acquisisci l’autocontrollo