Attività motoria

GIOCOSPORT PER L’ETÀ EVOLUTIVA

Ogni età evolutiva si caratterizza per un diverso desiderio di muoversi che è dapprima inconsapevole e successivamente cosciente di affermare il proprio sé. Infatti, quando parliamo dello sviluppo del bambino, lo definiamo come sviluppo psicomotorio, poiché esiste un legame indissolubile tra i diversi schemi motori e le azioni che il bimbo vuole e riesce a compiere, da un lato, e la sua psiche, dall’altro.

Quindi, nel suo sviluppo, il legame tra le competenze sensoriali, cognitive, motorie, affettive e motivazionali è inscindibile: maggiormente saranno equilibrate, migliore sarà la qualità del suo sviluppo.

L’immagine che suscita l’idea di uno sviluppo armonico è quella di una corda composta da più fili: se l’intreccio è ordinato e saldo, la corda sarà robusta e funzionerà a dovere.

Da queste considerazioni scaturisce che per aversi uno sviluppo armonico occorrono l’esplorazione del corpo e la sperimentazione di come funziona, la ricerca dell’equilibrio, la sperimentazione dello sforzo attentivo e muscolare, l’imitazione, quali elementi della fondamentale relazione tra pensiero e movimento.

Il gioco motorio può essere praticato dai 3 anni, poiché a questa età alcune competenze motorie di base sono acquisite, benché in costante mutamento almeno fino ai 6/7 anni.

Shibumi organizza corsi aperti, per bimbi di 3/4 anni e di 4/5 anni, distinti in funzione della valutazione delle competenze possedute da ciascun bambino e di quali attività servano maggiormente al suo sviluppo nelle aree fondamentali dell’equilibrio statico e dinamico, della coordinazione motoria con schemi omolaterali e controlaterali, della percezione dello spazio e del tempo.

4

Tali attività saranno mediate attraverso il gioco e saranno stimolati tutti i canali sensoriali: osservare, ascoltare, toccare, annusare…

2

Non vogliamo che tutti i bambini siano spinti a divenire, prima del tempo e magari loro malgrado, atleti specializzati in una disciplina sportiva agonistica, acrobati, ballerini, calciatori, attori…, ma vorremmo che riescano a vivere bene le sensazioni del proprio corpo, sentirlo, amarlo, rispettandone i tempi nella età evolutiva.

5

Il percorso che i nostri bambini compiranno attraverso il giocosport consentirà loro di saper scegliere, con la crescita, l’attività sportiva più adatta e congeniale, magari ma non necessariamente scegliendola tra le discipline praticate nello Shibumi Dojo (karate, judo, aikido…).


ATTIVITÀ
 MOTORIA PER ADULTI

TONIFICAZIONE, MOBILITA’ E STRETCHING.

Tonificare il corpo non solo migliora l’aspetto generale, ma può favorire la postura, dare più energia, più fiducia e contribuire a prevenire alcune malattie.

Un corpo tonico  permette di avere più forza, maggiore energia e flessibilità, e può diminuire il rischio di sviluppare determinate malattie come il diabete e le patologie cardiache.

Alcune forme di tonificazione, soprattutto gli esercizi che si concentrano sui muscoli dell’addome e del busto, associati ad esercizi di mobilità e di allungamento possono migliorare la postura e lo stile di vita di ciascuno di noi.

Infatti, diversi esercizi con i pesi, a basso impatto, eseguiti in piedi, aiutano a tonificare la muscolatura e a rafforzare le ossa, migliorando la postura, riducendo il rischio di osteoporosi e attenuando la tensione sulla colonna vertebrale.

Gli esercizi di tonificazione della muscolatura, soprattutto se abbinati ad esercizi cardiaci e di forza, possono aiutare a migliorare la salute mentale. Alcuni studi hanno dimostrato che le persone che si allenano regolarmente hanno più energia, livelli di stress ridotti e una maggiore fiducia e stima in se stessi.

I corsi di attività motoria sono tenuti dalla dott.ssa Martina Celebrin, e della terapista della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva dott.ssa Veronica Trovò.

 

MartinaMartina si è laureata in Scienze Motorie (IUSM) presso l’Università del Foro Italico.
E’ istruttrice Scuola Italiana Nordic Walking, collabora con il Coni come tutor sportivo nelle scuole e campo estivo Educamp, è Dirigente Sportivo per La Rete, associazione di ragazzi Speciali, ha svolto attività presso la FIDAL nello Stadio dei Marmi come istruttrice dei bambini in atletica leggera e ha lavorato con i bambini come insegnante di motoria e motricità sia nelle scuole che nelle palestre.
E’ attualmente DELEGATO PROVINCIALE CIP (Comitato Italiano Paralimpico).
Ha acquisito esperienza in centri sportivi e palestre (Forum Sport Center, Area sporting club, Olgiata,) svolgendo attività per adulti nelle sale isotonica e cardiovascolare. Presso il CONI di Latina ha svolto lezioni di tonificazione per adulti a corpo libero o con piccoli attrezzi.